Abbiamo 1783 visitatori e un utente online

Xlater
Le avventure der Campana

Le avventure der Campana
0.0/5 di voti (0 voti)
Primo capitolo

ER MATRIMOGNO
DE LO ZZIO DER COLLA
Parte Prima

Quela sera stavamo seduti fori ar bare tra amici, a parlà de carcio.
— Q-q-quest’anno a-a-ala Laz-z-Lazzio j-j-j’ap- j’aprimo er c-c-culo! — disse Zagabbria. Zagabbria lo chiamamo così perché zagaja.
Io me lo guardai co’ l’occhi cattivi, la faccia imbruttita e ’na mano a conchija su la recchia.
— Ch’hai detto?
Lui me guardò un po’ spaurito.
— D-d-dicevo che a-a-ala Laz-z-zio q-quest…
Io insistetti: — Ch’hai detto?
Questo è un modo mio de fa quanno che una frase nun me piace. Pare che nun ce sento, e pure pe’ questo me chiamano er Campana. Ma a fallo co’ Zagabbria dà tutto un antro gusto.
Lui stava a ripijà fiato e a ricomincià.
— D-dicevo c-che ala L-l-lazz…
— Ma scusame, a Zagabbria, — dico — ma nu’ stavamo a parlà de carcio?
Lui me guarda. — E-e-e-embè?
— Embè — faccio io — Che cazzo c’entra la Lazzio?
Tutti a ride.  — Che c’entra la Lazzio cor carcio? — dico. E tutti a ride. — Che la Lazzio è ’na squadra de carcio? — E tutti a ride. — Che quello de la Lazzio è carcio? — E tutti a ride. — Avete mai sentito, voi, de ’na squadra de carcio che se chiama Lazzio? — E tutti a ride. Quanno la battuta piace, a me me piace insiste.
Insomma, mentre tutti ridevano, me sonò er Nocchia. Er Nocchia. Nun sapete che è er Nocchia? Er Nocchia! Er cellulare Nocchia!
Faccio: — Tutti zitti!
Silenzio. Er Nocchia arisona. Uno fa: — A Campà, è er tuo!
— Zitti, ho detto!
Intanto er volume de la musichetta aumentava. Ho fatto ’na modifica ar Nocchia che la musica pò aumentà fino a 150 Watt. Je volevo fà mette un subwoofer, ma dice che nun se pò.
— A Campà, guarda che è er tuo, ma che sei sordo?!
— Ma, dico, nun la riconoscete? — Tutti a guardamme come scemi. — La musica! Nun la riconoscete? — Er Nocchia me continuava a sonà comme un disperato. Tutti che me guardavano e scotevano la testa.
— I Pooh! — Faccio io. — Io sono vivo! Nun ve la ricordate? — Niente. Me guardavano come ebeti. Provai a canticchiarla insieme ar Nocchia.
 
"Quanno la mia donna gode
Quanno la mia donna sbroda
Io sono vivooo…"
 
— A Campana, ma voi risponne sì o no?
— A regà, certo che comme curtura musicale state propio messi male, ahò! V’amancheno propio le bbasi!
Intanto avevo preso er Nocchia e me stavo a guardà er display pe’ vedè chi era.
— Anvedi, oh! È er Colla! Sto infame! —
Spingo er bottone e subito, ridenno, je urlo: — A Colla! A stronzo!
Manco faccio a tempo a finì che er Candela (fa l’elettrauto) me strappa er Nocchia da le mani e ridenno puro lui, je urla dentro.
— A Colla! Li mortacci tua!
Poi è toccato a Zagabbria.
— A Colla! A ro-ro-rottinculo!
E poi ar Bufera, che è uno che ogni vorta che scureggia bisogna arifà da capo le previsioni der tempo.
— A Colla! A fijo de ’na mignotta!
Finito er giro, er Nocchia ritornò a me.
— Ciao Colla, ciao bello, vaffanculo! — E spensi.
Je volemo tutti bene ar Colla. È ’n amico.
Nun so’ passati manco venti secondi che er Nocchia me risona. — Chi è adesso? — me fa er Candela. Guardai er display.
— A regà, nun ce se crede! È n’antra vorta er Colla. — Tutti diedero segno de insofferenza, sbuffanno e soffianno. — Dddio che palle, questo! — Fece er Bufera cor suo vocione.
Risposi.
— A Colla! E mò hai rotto er cazzo! Ammazza quanto sei appiccicoso!
— Ma me volete fà parlà, te e quei stronzi là de fori?
Insomma, me lo sto a sentì. Incredibbile! Er Colla ce voleva invità a un matrimogno!
— A Colla! A frocio! Ma te sposi e nun dichi gnente!?
— Ma che cazzo stai a dì? — me risponne. — Nun me sposo, io. Se sposa mi’ zzio!
— Tu zzio??? Ma se tu’ zzio c’ha settant’anni!
— Embè? Che vor dì? Che uno a settant’anni nun se pò sposà?
— Vabbè. Ma noi che cazzo c’entramo co’ tu zzio?
Er Colla me rispose in modo morto ambiguo…
— Che vòi? A mi zzio je piace la compagnia de li ggiovani…
L’appuntamento era pe’ ’r giorno dopo a la Chiesa de San Grespino de li Frutti Acerbi, a Tor Mignottara.
Io però intanto me volevo annà a informà mejo da Teresa ’a Parrucchiera. Lei sapeva sempre li cazzi de tutti. Ma c’aveva ’na predisposizzione particolare pe’ ’r cazzo mio.
Anfatti, appena che ebbe tirato giù, da dentro, la sarcinesca de la bottega, me fa
— Daje, Campana. Tira fori er batocco, che nu je la faccio più — e me mise le mani su la patta, pe’ tirà giù pure la saracinesca de la bottega mia. Io la fermai.
— Aspetta. Che me sai dì de lo zzio der Colla?
— Che è imbarcato de sordi!
— Questo lo sapevo ggià!
— Ha cominciato da regazzetto a lavorà da un carrozziere. Poi s’è messo in mezzo ar giro de le machine rubbate e s’è messo in proprio. Poi s’è ingrandito e ha incominciato a venne le machine usate. E un par d’anni fa ha aperto pure ’na concessionaria de ’a Troyota.
— Me cojoni! — mormorai pensoso, mentre lei me spigneva su una sedia da parucchiere. Se piazzò a sede sur banchettino de la manicure, davanti a me. Subbito riprese a smucinà co la lampo dei carzoni, ma stavorta la lasciai fà.
— A Campà, ci hai proprio un batocco che è la fine der monno — me cinguettò mentre che se lo rimmirava tra le mano. Poi se lo cominciò a slinguà e a ciuccià. Teresa c’ha ’na bocca che è n’aspiraporvere. Ma io nun me riuscivo a godè la pompa. Stavo soprappensiero.
— A Terè — je feci. — Ma comme mai ’sto vecchio mò se sposa? E co’ cchi? E perché ce vò invità pure a noi che semo solo l’amichi der nipote?
— Te lo spiego io! — Me rispose, mollando la presa de quele labbra a ventosa dall’asta mia e continuando a sbattemelo co’ la mano. — Nu la conosco, la sposa, ché nun è de la zzona. Ma deve da esse ’na gran mignottona, sinnò nun se spiega che una de ventiquattranni va co’ uno de settanta e passa. Quella se lo vò sposà pe beccasse l’eredità quanno er vecchio more…
— Ho capito! Nun me dì gnente! Li parenti se so’ incazzati che quella je se pija tutti li sordi, e pe’ dispetto nun vanno ar matrimogno…
— Bravo! È pe’ questo che lui ve invita a vvoi! Pe’ nun annà solo… e pe’ sfreggio.
— Ma er Colla? Nun dovrebbe esse incazzato pure lui?
— E che ne so? Magari j’ha promesso ’na machina…
— Brava Teresa! Succhia va… che te lo sei meritato!
A ’sto punto Teresa me s’arivortò contro. — Cazzo, abbasta! A Campana, so’ tre mesi che da me solo le pompe te fai fà!!
Provai a esse galante e delicato. — È che na bocca da pompinara comme la tua in giro nun se trova…
— Vabbè, ma a la fregna me ce sta a venì la muffa!
— Ma che me stai a dì? Ma se te lo fai appizzà da tutto er quartiere…
Abbassò l’occhi arrossendo pudicamente. — Sì… vabbè… ma un batocco comme er tuo nun ce l’ha nessuno…
Me commossi. — E daje, va! Però lo vojo fa comme dico io!
— E comme lo voi fa?
— Mmmmm… — me guardai intorno. — Vedemo un po’… mettete a pecoroni su quela portrona!
— Quella? No… quella no… perché invece nun…
— Ho detto quella! — urlai. Ubbidì bona bona.
Se calò le mutanne, se arzò la vesta e prese posizzione come j’avevo detto. Regazzi, ’na femmina gnuda appecorinata è sempre un ber vedè. Ma Teresa era un vero spettacolo. Du’ chiappone tonne tonne, grosse ma sode. E in mezzo ’na serva de peli neri clamorosa, che je partiva dar sorco delle natiche. In mezzo c’aveva comme du’ laghi, uno più grosso e uno più piccolo, come Castergandorfo e Nemi. Er bucio piccolo pareva che me faceva l’occhietto, comme pe’ cojonamme. "’Ndo cazzo scappi?" dissi tra de me.
Me calai li carzoni a mezza coscia, j’ agnedi dietro e je lo incarcai subbito ne la fregna, che era bella umida comme me piace a me. Lei cominciò subbito a sospirà.
— Daje Campana, sona… sona ’sto batocco tosto… ddioo che bello…
Insomma, io me la stavo a incarcà de buzzo bbono, e lei godeva e godeva, frignava, gemeva. Quanto me fa: — A Campana… ooohhh… ma perché… aaaahhhh… perché nun se sposamo puro noi due?
— Noi due? – J’arisposi. — Ma chi vòi che ce s’accatta a noi due?
— Ma io… ooohhh… volevo dì da sposasse io e te… uuuhhh… insieme…
Era un argomento che nun me piaceva. Allora, con garbo ed eleganza, cambiai discorso.
— Stai pronta che mò te lo metto ar culo!
— Oddio… siiiiiii… però fai piano…
Feci anche abbastanza piano, a parte che je lo piantai fino in fonno co’ ’na botta sola. Ma c’ho confidenza. Er culo de Teresa n’ha viste de peggio.
J’ho dato na trentina de botte, poi nun l’ho tenuta più e je so’ venuto drento ar culo. Avrò schizzato mezzo litro de sbora. Arimasi a ripijà fiato così, appoggiato su de lei, co tutto er cazzo ancora dentro.
Me fece: — A Campà, sei ’na furia d’a natura… m’hai fatto ’mpazzì… me sento comme un calore in testa…
— E io sento pure ’na puzza de bruciato…
Me accorsi all’improvviso de che era successo. Nell’aggitazzione dell’amplesso Teresa aveva ’nfilato la testa denro ar casco che asciuga i capelli, che a forza de sbatte e arisbatte s’era acceso. Se n’accorse pure Teresa che zompò comme un grillo. Poraccia! C’aveva li capelli tutti carbonizzati.
Se guardò a lo specchio e cominciò a urlà.
— Campanaaa!!!! Che cazzo hai combinatooo!!!"
— E che cazzo c’entro io?
— Guarda!!! So’ tutti neri!!!
— E tu tingeli!
— Ma so’ tutti rinsecchiti!
— E tu bagnali!"
— Ma so’ tutti arovinati!
— E tu tajateli! Ahò… ma che te devo dì?
— A Campana, VAFFANCULOOOOOOOO!!!!
Decisi che era er caso de annammene, e tajai la corda co’ na certa prescia…

Share this product