Abbiamo 1666 visitatori e nessun utente online

Francesca Ferreri Luna
Singola ventottenne. Alessandro.

Singola ventottenne. Alessandro.
0.0/5 di voti (0 voti)
Primo capitolo

28 agosto

Cara Singola,
rispondo con questa mia al tuo annuncio e proprio come volevi forse, e con molta serenità devo aggiungere, raccolgo la tua provocazione riguardo i singoli. Singolo. Che parola a pensarci bene eh! Nel contesto del discorso portato avanti dal settimanale in questione è una parola determinante, in senso assoluto invece è superflua. Siamo tutti singoli; lo siamo in momenti importanti come la nascita e la morte, in entrambe queste situazioni estreme non siamo abbinati con nessuno, e se ci succede di "essere abbinati" nel mezzo, molti di noi continuano a rimanere singoli.
Altre volte invece si parla di massa, folla, e sarebbe superfluo parlare di insieme di singoli, quando invece avrebbe più senso. Credo sarebbe più corretto dire che ci si può sentire singoli, così come ci possiamo sentire belli o nervosi, felici o depressi. Per questa ragione prima ho scritto che specificare non serve: per la stessa, tu sei singola ma non libera.
Non sto "filosofeggiando" a ruota libera. Ripeto, ho solo colto la tua provocazione riguardo l'invadenza e la poca immaginazione dei singoli. C'è singolo e singolo, e allora anche questa parolina che ho voluto manipolare assume un significato meno determinante, non diventa una etichetta che significa invadenza, ossessione o altro.
In passato ho acquistato la rivista altre volte ma la forza di scrivere alle grandi labbra di qualcuna o al sedere di qualcun'altra non l'ho mai trovata, anche se mi sarebbe piaciuto farlo. Anch'io come te ho "diverse" fantasie che non ho realizzato e chissà se mi riuscirà di farlo. Quante volte, da soli, abbiamo pensato alla tal cosa, e immediatamente dopo ci siamo anche chiesti... chissà che direbbero... se sapessero che io...
È come se ci sentissimo in fondo un po' matti, poi ci diamo un tono, magari il solito, e usciamo ad incontrare gli altri.
Può essere anche che leggere le fantasie dell'uno e dell'altra ci possa essere d'aiuto per comprendere meglio il sesso al quale, rispettivamente, non apparteniamo, vale a dire che tu potresti capire meglio gli uomini, ed io le donne. Non aggiungo altro.
Sono tuo coetaneo, e sono un singolo, spero di tuo gradimento, e se così fosse:
Carta di identità n° .....            Fermoposta ...

Specifiche

Share this product