Abbiamo 177 visitatori e nessun utente online

Carrozza 5 - della passione

Nel Club

Nel Club Antonella Z.

La storia è ambientata in una discoteca: Giada ama sedurre e sa come stuzzicare la fantasia degli uomini, Andrea è bello e dannato e rimane subito colpito dalla bellezza della giovane. Scatta immediatamente l’attrazione: arguzia, sagacia e sensualità in un’atmosfera intrigante e sofisticata. Ma siamo sicuri che la passione non abbia conseguenze? Quale è il confine fra gioco e amore?

BAGNO TURCO

BAGNO TURCO MAD_FEM

Sabato pomeriggio un po' plumbeo, un po' afoso, aria bassa.
La palestra semideserta.
Nessuna voglia di completare il percorso fitness.
Lui pedala svogliatamente.
Lei prova qualche macchina, pettorali, dorsali, gambe.
E se andassi a fare un bagno turco?

ALBA

ALBA JAN76

Brandelli d'immagini catturano il mio occhio perplesso davanti al biancore del foglio.
Del seminario ricordo solo il pavimento dell'ufficio del rettore, quadrati di marmo bianco e nero, tirati a lucido, in cui si rifletteva l'immagine di un uomo inginocchiato. Ero finalmente libero.

BISTURI

BISTURI Ladyfreyja

Il cellulare vibra nella tasca dei jeans.
Sul display una lettera, la prima, maiuscola, imperiosa: A.
Angelica preme il tasto 'rispondi' senza dir niente.
«Alle 11,30 sono da te.»

PARIS

PARIS FALCOSIRENE

Passeggiava spesso nella piazza del Sacré Coeur.
Forse anche una volta al giorno, forse di più. Si arrampicava sù per i vicoli di Montmartre, tra quelle case antiche, fino alla chiesa bianca e tonda, in stile "pan di zucchero".

LA SEDIA

LA SEDIA GiuliaSays

Il ragazzo non avrà più di diciassette anni. È già un bel fusto, alto e con le spalle larghe. Un sorriso aperto e luminoso, di quelli che si possono avere soltanto alla sua età.

A MERCOLEDÌ PROSSIMO

A MERCOLEDÌ PROSSIMO MAD_FEM

Non può essere altrimenti: alla signora piacevano sempre le cose sbagliate, in fondo.
Quell'odore greve di fumo stantio, di vecchio... se lo sarebbe portato appresso tutto il giorno.
L'avrebbe odiato, come si odiano le cose troppo famigliari finendo con l'amarle.

SENZA LUCE (A WHITER SHADE OF PALE)

SENZA LUCE (A WHITER SHADE OF PALE) Liviana Rose

Quattro minuti.
È il tempo che ci vuole per attraversare il ponte.
Mi mette sempre i brividi.
Quattro minuti di uno strano formicolio al collo.

Le rette parallele

Le rette parallele Sullacimadellolimpo

Due mondi diversi, lontani, distanti anni luce. In mezzo agli altri io e te siamo due rette parallele. Quando non siamo insieme siamo distanti anni luce...

OCCASIONE

OCCASIONE Elena Pierobon

Occasione. Mi piace la parola "occasione". Prende significati totalmente diversi a seconda del contesto in cui la si usa: l'occasione fa l'uomo ladro, ho sprecato un'occasione, l'ho comprato in saldo era un'occasione!, un'occasione che non ritorna... e l'elenco potrebbe continuare all'infinito. Quante frasi si potrebbero costruire!

ELENA

ELENA Nia Shore

Io e Giovanni avevamo litigato.
Ed ero furiosa, la rabbia mi rendeva paonazza.
Non riuscii a mangiare nulla; continuavo a pensare alle parole che gli avevo lasciato nella posta elettronica.
Parole dure, di donna ferita.

LASCIAMI ANDARE

LASCIAMI ANDARE Liviana Rose

«Lasciami andare. Non ne posso più di te.»
Stavo cercando di tagliare per sempre i fili con un passato che non era passato, con ricordi da non ricordare, con giornate buie come la notte. Una vita senza uscita, senza gioie, col terrore nella pelle, con l'amore, questo sconosciuto, tirato fuori la sera come un portafortuna solo di nome, come la fotografia di un'utopia.

SOLA ANDATA

SOLA ANDATA Leonarda Morsi

“Il treno espresso 2245 delle ore 18.45 per Milano è in arrivo al binario tre.”
La nebbia  avvolgeva la stazione e rifletteva su se stessa le luci gialle della città e i fari delle locomotive in arrivo. I passeggeri, allineati come birilli  lungo il binario, erano avvolti dai nebbiosi filamenti grigi come se il fumo di un incendio sotterraneo li stesse progressivamente avvolgendo.

VINCERE LA PAURA

VINCERE LA PAURA Olympia Fox

Ancora stento a credere sia vero.
La guardo di nascosto, attraverso il riflesso della porta lucida, mentre si districa tra i fornelli e il forno, ballando un po’ e cantando piano, tenendo sotto controllo quella sua voce da tigre.

TEMPUS EST JOCUNDUM

TEMPUS EST JOCUNDUM Stephen Roissy

Era una di quelle serate estive di inizio agosto, quelle serate dolci nelle quali si prova piacere a stare all’aperto perché la temperatura mite e l’aria, appena un po’ più fresca, danno una sensazione di riposo dopo il caldo estenuante del giorno, e sulla pelle ogni leggero alito d’aria fresca che, all’imbrunire, scende dalle montagne, fa l’effetto delle bollicine in un bicchier d’acqua.

UNA DEA

UNA DEA Matronit

Un ritaglio fuori dal tempo, lo sapevano. Un momento che poteva durare un pomeriggio intero, ma solo un momento.
Dopo quell’attimo lei cercava di ripercorrere ogni piccolo passo che li aveva condotti lì, più e più volte.
Solo casualità, solo un momento di puro egoismo.

IL VIAGGIO DI RITORNO

IL VIAGGIO DI RITORNO Liviana Rose

Un viaggio di ritorno di 300 km. L'autostrada larga e vuota del venerdì notte. Un uomo ed una donna. Dalle casse della radio si spandono le note leggere di una calda melodia . Argomenti di conversazione esauriti all'andata.

IL SUO SOGNO PROIBITO

IL SUO SOGNO PROIBITO Liviana Rose

Il serpente di auto si snodava lungo una stretta stradina di campagna, a destra una distesa di campi gelati che brillavano sotto i raggi della luna piena, a sinistra il muro di terra che proteggeva l'asfalto dalle bizze di un torrente.

LA FOTO

LA FOTO GentilSesso

Sono le sette di mattina. Luca è abituato a dormire sempre con la tapparella aperta per essere svegliato dalle prime luci del mattino e quando il sole è caldo, il cielo limpido e la luce risveglia tutti i colori, Luca sa che quella sarà una giornata di ispirazione

FOTOGRAMMI BRUCIATI

FOTOGRAMMI BRUCIATI ilBiancoEilNero

La Sua testa tra le mie gambe che cerco inutilmente di chiudere.
Sento la Sua lingua giocare sul mio sesso e riaprire quella profonda ferita.
Paura e dolore. Voce soffocata e lacrime seccate negli occhi.

IL MOMENTO GIUSTO

IL MOMENTO GIUSTO Liviana Rose

Bradley le teneva le mani sui fianchi e le dava il ritmo. Aveva un seno di Lauren in bocca e lo gustava come un chicco d’uva dolce.
Si muovevano a tempo di una musica immaginaria, di quelle che spesso risuonavano in casa.
Non c’erano candele profumate in giro, o foulard ad ingentilire l’atmosfera dell’abat-jour o ballon con dell’ottimo cognac francese a sprigionare i propri umori imprigionati per trent’anni nelle barrique.

CENTRO STORICO DI PERUGIA

CENTRO STORICO DI PERUGIA bruciadentro

Centro storico di Perugia, “Umbria Jazz” la colonna sonora.
Mi ha ordinato di precederlo, di aspettarlo… che mi avrebbe raggiunto nel pomeriggio se avesse potuto, se avesse voluto.

ROSE

ROSE Lavinia De Merteuil

Il tacco dodici è una dichiarazione di guerra: predispone il corpo della donna nella posizione ideale per essere scopata. Per questo motivo, io non indosso mai tacchi dodici: non ho bisogno di lanciare l’esca se ho voglia di farlo.

SÌ

Bocconcini.g

Sì, ti avevo risposto rigirandomi nel letto sudata e assonnata, senza nulla aver capito di ciò che mi avevi chiesto.
La doccia fredda e profumata aveva risvegliato il mio corpo addormentato, assopendo accuratamente il ricordo di ciò che avrei dovuto fare per te quella sera ritornando a casa.